TENTAZIONI METROPOLITANE on AMAZON PRIME in USA-UK-GERMANY and AUSTRIA

🇺🇸🇬🇧🇩🇪🇦🇹

 

TENTAZIONI METROPOLITANE su Amazon Prime in USA-UK-GERMANIA-AUSTRIA

Con irrefrenabile voglia a di vivere Alessandra spalanca le sue ali per ricominciare a volare, ma ogni sera deve tornare in carcere…  

scritto e diretto da GIANNA GARBELLI

con la partecipazione straordinaria di ANNIE GIRARDOT
e con GIANNA GARBELLI – FIORENZA MARCHEGIANI – MAURIZIO DONADONI – NARCISA BONATI – STEPHANE FERRARA – DARIO D’AMBROSI – LAURA VISCONTI – JOE KLOENNE – ROBERTO MARELLI
trailer TENTAZIONI METROPOLITANE

*Ogni riferimento a persone o fatti realmente accaduti è puramente casuale*

Ho scritto per il cinema e diretto e interpretato, prodotto TENTAZIONI METROPOLITANE – storia di una detenuta in semilibertà – con Annie Girardot- Fiorenza Marchegiani- Maurizio Donadoni, Stephan Ferrara, Narcisa Bonati, e tanti altri bravi attori del Piccolo Teatro. Un previlegio dirigere un cast così di eccellenze internazionali e el miglior teatro italiano. Musiche originali di Robert Mouyren. Selezionato per Panorama Italiano alla Mostra Int’l del Cinema di Venezia.
È stato un interessante lavoro di ricerca per la costruzione dei personaggi e così ho preso spunto dalla realtà più dura, due detenute in carcere per motivi molto diversi: una è detenuta comune, l’altra è politica. Poi in sceneggiatura ho miscelato con fantasia. Sì è una storia coraggiosa. Nel 1993 il mondo non era così pronto ad una storia tra donne, direi non convenzionale. Ma è molto di più, e non vorrei togliervi il gusto di vederlo.
L’ispirazione me l’ha data una ragazza che ha davvero vissuto questa illusoria esperienza, di una scorciatoia… Poi per scrivere la sceneggiatura, ho studiato, frequentato l’umanità tutta coinvolta, ai confini all’emarginazione. Sono andata alla ricerca dei luoghi veri, così da rendere l’autenticità del dramma sociale, l’atmosfera, i pregiudizi, per dirigere il set al meglio. Con un’inesauribile energia, che è il tratto più evidente della mia personalità, affronto questa storia durissima, come grezza e cruda è la materia che ha stimolato la mia creatività.

Io e le mie amiche “detenute”, straordinarie colleghe, un cast simpatico, allegro perché è nella drammaticità che l’ironia trova lo spunto migliore.
Supporter di pregio, eccezionale, riconoscibile il tratto d’arte di Milo Manara, tra i grandi fumettisti di sempre.
Io e Annie Girardot. Che attrice eccezionale Annie Girardot! All’altezza della sua leggenda…

da six sono con Fiorenza Marchegiani, coprotagonista, e Laura Visconti, e qui scoppia il caso…

Sono con Fiorenza Marchegiani la mia co-protagonista, due caratteri intensi.

Maria Gioacchina Stajano Starace Briganti di Panico, è stata di tutto, un personaggio incredibile! Per la sua epoca poi…Mia vicina di casa, nel periodo romano, l’ho voluta sul set a Milano. Un tocco di esagerazione, di oltraggio, quel tanto di realismo aggiunto. Fu la prima persona ad illuminarmi sul mondo gay. Il movimento LGBT era ancora lontano a venire, ma lei visse il periodo dell’avanguardia, una vera pioniera, ha vissuto con leggerezza un mondo che solo apparentemente le era ostile, vivendo di arte, quindi un mondo senza confini di qualunque genere, era la novità che si esponeva senza falsa ipocrisia.  Nel mio film mi è stato necessario, perché il suo cammeo, ha chiarito subito le cose: lei nata maschio, si sentiva donna, dunque è stato facile inserirla nel contesto del carcere femminile.

Una scena dura da sopportare, qua recito con l’eclettica Mirton Vaiani, nel ruolo della Boxer, intesa come il mastino…o anche la Kapò, come l’aveva identificata Gillo Pontecorvo, l’allora direttore ila Mostra di Venezia,  che volle il film per la premiere nella sezione Panorama Italiano.

Con il mio mitico direttore alla fotografia Blasco Giurato. Ha dato luce ai più bel film degli ultimi 55 anni almeno…! Un previlegio lavorare insieme.
Sul set del vero carcere di San Vittore a Milano, messo a disposizione dal Ministero di Giustizia, recito nel ruolo della detenuta comune e Fiorenza Marchegiani recita la  detenuta politica.
La leggendaria attrice francese, Annie Girardot  che tanto ha dato e deve al grande cinema italiano di Luchino Visconti vedi  “Rocco e i suoi Fratelli”.
Gianna Garbelli e Fiorenza Marchegiani. Non voglio svelarvi la trama, da oggi si può vedere tutto il film su Amazon Prime.
Joe Kloenne nel ruolo di un vecchio amico della protagonista, Alessandra Albani. Joe Kloenne è una star tra i modelli della grande moda nel mondo.
Sono con Narcisa Bonati, una grande attrice del Piccolo Teatro di Milano, un riferimento che ci ha purtroppo da poco lasciati.

Sono con Fiorenza Marchegiani e Stephane Ferrara nel ruolo del malavitoso corso.

La fascinosa fotografia di Blasco Giurato sottolinea la drammaticità e l’intrigo nell’evolversi della storia. I più grandi successi di Giurato sono legati al regista Giuseppe Tornatore. Il set-disegner è di un grandissimo architetto del cinema, Enrico Tovaglieri, come non ricordarsi del set di Ermanno Olmi, “L’albero degli zoccoli”…Entrambi hanno sottolineato la storia del migliore cinema italiano di sempre. Il set è stato un locale notturno, cult della Milano anni ’80 e ’90: Il Plastic, di Lucio Nisi. I capelli curati dal miglior parrucchiere Gino Bianchini.

Fiorenza Marchegiani era già star dei film di Massimo Troisi, attrice intelligente, eclettica, con cui mi sono trovata benissimo e così nel dirigerla. Intensa professionista nel nostro dialogo attoriale.

Eccomi con l’occhio dietro la macchina da presa, sì forse uno degli ultimi film in pellicola 35mm. A cavallo tra consolidate meccanicità e nuove tecnologie. Ma scrivere la sceneggiatura è stato determinante per avere idee chiare nel dirigere il film. La visione e  il ritmo, sono così netti  e snelli e danno spazio ad ulteriore creatività.

 In carcere non c’è nulla in vetro, l’alluminio non è uno specchio d’acqua,  ma rende l’idea…

 

Beh sì in carcere ci si tiene in forma, soprattutto le “comuni”,  non c’è molto altro da fare per ammazzare il tempo. In quell’ora d’aria, il sole, la luce sono così desiderati…

I miei tecnici insuperabili, veloci e pronti a risolvere ogni problema. Non c’è set cinematografico senza di loro…
Con Maurizio Donadoni, perfetto nel ruolo del borghese, conformista innamorato.

Tornare a casa dopo 7 anni di carcere, lo sguardo è sorpreso,  non sempre piacevolmente.  Persone, luoghi e cose, insomma il mondo è cambiato. É come risvegliarsi dopo anni di un lungo sonno. Ma Alessandra, non si risveglia in una fiaba…Delicato il tocco della brava make-up artist Vincenza Lambarella.

Momenti di solidarietà tra le mure di un carcere, qua con le mie “detenute”, Aida Cooper e un’altra grande vocalist delle migliori rock band.

Questo è Antonio, nel mio film recita, ma è un ex-vero-detenuto che è parte di una cooperativa teatrale. Certi ruoli, potendo, li devi mischiare anche con chi li ha vissuti davvero.

Anna Bruna Gola, una sarta che ha cucito con il suo ago e filo ogni particolare, tutti i costumi. Perfetti.

Con Clarita Di Giovanni la mia assistente.
Con Fabio Lanciotti, il mio  paziente cameraman.
Dietro le quinte sono con il direttore della fotografia, compagno di lavoro straordinario  Blasco Giurato, e Fiorenza Marchegiani.

Gillo Pontecorvo grande regista e direttore della Mostra del Cinema di Venezia, volle vedere il film in una sala di Cinecittà, era venerdì sera quando ci accordammo,  lunedì alle 09:00 puntuale ero di nuovo a Roma da Milano, con il mio direttore alla fotografia Blasco Giurato. Tutte e due  fuori dalla porta in attesa del verdetto del maestro. Pontecorvo uscì commosso e io non potei trattenere le lacrime di felicità, e Blasco Giurato che è più alto di un abete di montagna, si illuminò come un albero di Natale per la gioia. Il film fu inserito in programmazione nella sezione Panorama Italiano, curata dal giornalista Claudio Trionfera.

Premiere alla Mostra Int’l del Cinema di Venezia, sezione Panorama Italiano. Da sx Narcisa Bonati, Annie Girardot, Gianna Garbelli, Roberto Marelli. Marelli sostituì all’ultimo momento Walter Chiari che purtroppo qualche mese prime delle riprese, mori stroncato da un infarto. Una disperazione non averlo; l’ironia nella storia c’è tutta, ma il mio rammarico rimane, il talento di Walter Chiari avrebbe strappato risate commoventi! Il lungometraggio uscì alla Mostra di Venezia con il titolo: PORTAGLI I MIEI SALUTI, subito dopo ho sostituito il titolo con TENTAZIONI METROPOLITANE..

USA premiere at the Napa and Sonoma Valley Festival, San Francisco, CA. And at the Italian Cultural Institute in Los Angeles. Above, at the Casa Italiana Zerilli / Marimò in New York.

qui e là RASSEGNA STAMPA  
PARTECIPAZIONI A FESTIVAL ed  EVENTI IN ITALIA e NEL MONDO
  1. 1993 –premiere Mostra Internazionale D’Arte Cinematografica di Venezia selezione Panorama Italiano-
  2. 1993- Francia Annency Festival –
  3. 1993 Francia Festival di Film Italianne de Villerupt
  4. 1998 Egitto: Alexandria Film Festival miglior sceneggiatura, miglior Montaggio –
  5. Luglio 1999 USA Film Festival Napa e Sonoma Valley Miglio Opera Prima Internazionale, Miglior Attrice-
  6. Settembre 1999 Istituto Italiano di Cultura Los Angeles –
  7. Febbraio 2000 Casa Italiana Zerilli Marimò di New York con Alfonso Arau.
  8. Marzo 2000- UK Bradford Film Festival “Shine Features”
  9. Marzo 2001 Università La Sapienza Roma
  10. Aprile 2001-Palm Spring USA Associazione Psichiatrica della California 13°Meeting Annuale – Prof Barry Chaitin
  11. Novembre 2001 Carcere di Rebibbia, Roma Evento Speciale, Ministero Giustizia
  12. -distribuito nei cinema in Italia
  13. -acquisito da RTS TV Svizzera

-acquisito da RAI TV, ma mai mandato in onda con l’antidemocratica giustificazione che loro, le opere troppo belle le acquistano per toglierle dal mercato. Eh insomma un management che ha preteso di fare cultura senza averne gli attributi. Il coraggio non è solo di chi scrive, dirige e recita una storia inedita e certo produce. Ma d’obbligo di chi acquisisce e certo la programmazione non può essere negata, dopo aver speso soldi pubblici per l’acquisto! Il management RAI, direttori di rete inadatti, obbedienti al partito politico di appartenenza. Senza nessuna autonomia di pensiero, incapaci di dare al pubblico semplicemente un’opera bella, una storia inedita, ben realizzata come la stampa ovunque il film sia stato presentato ha sottolineato,  e così il pubblico presente.

É stato atroce come autrice sentirsi tarpare le ali…

Conseguenza: per otto anni il mio film è stato fermo nei magazzini RAI e con un tentativo pessimo di plagio mal riuscito da parte di RAI Cinema. Chi disprezza compra…

É ancora così, anche adesso?  Quasi. In Italia nulla è cambiato. La corruzione è il cancro che divora questa Nazione. Non l’ideologia.

Cosa mi tiene qui? Sono italiana. E non sai che l’Italia è conosciuta come uno dei paesi più belli della terra! Più viaggio e ho viaggiato più ho trovato l’Italia meravigliosa.

E finalmente, fortunatamente c’è Amazon che ha rivoluzionato la scena mondiale della grande distribuzione!

qua i link dove il mio film TENTAZIONI METROPOLITANE è visibile su AMAZON PRIME in USA-UK- GERMANY-AUSTRIA

-2