NEW YORK TIMES, 31 ottobre 2016. La Relazione Mai Pubblicata Solleva Questioni sull’AIBA, Organo Di Governo Internazionale del Pugilato Dilettanti. **New York Time, October 31st, 2016. Unreleased Report Raises Questions About AIBA, Amateurs Boxing’s Governing Body.

🥊🥊🇮🇹

NEW YORK TIMES, 31 ottobre 2016. La Relazione Mai Pubblicata Solleva Questioni sull’AIBA, Organo di Governo Internazionale del Pugilato Dilettanti. D

Sotto pressione dei funzionari Olimpici, il presidente dell’ organo di governo internazionale della boxe dilettanti, ha dovuto affrontare i problemi finanziari nella sua organizzazione e nel 2015 ha ordinato un’indagine da parte della società di revisione, PricewaterhouseCoopers.
Nel rapporto sono emerse irregolarità così diffuse che i revisori hanno suggerito alla federazione di trovare un avvocato penalista.

Non è chiaro se la federazione lo ha fatto. Infatti, l’esistenza del rapporto non è molto conosciuta, perché il presidente della federazione non lo ha mai pubblicato,  nemmeno comunicato  al consiglio esecutivo dello sport che lui stesso sovrintende.
Mentre alcune parti del rapporto sono riportati da qualcuno della stampa, una copia completa, è stata recentemente data al New York Times, e rivela carenze contabili e solleva le questioni della gestione di uno degli sport olimpici più importanti.

Gli investigatori si sono concentrati su un prestito del 2010 di  $ 10 milioni, provenienti da una società privata in Azerbaigian per  la creazione di nuovo campionato di boxe negli USA. Il prestito non è mai stato restituito, e agli investigatori non è comprensibile come più $ 4,5 milioni di euro,  siano stati spesl. La federazione, che va sotto la sigla AIBA, – ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DILETTANTI PUGILATO- non ha saputo dire dove è finito il denaro mancante.

La federazione, che ha sede in Svizzera, inoltre, non ha adeguatamente trascritto il conto delle perdite sui suoi libri contabili e forse infranto la legge.
Questi e altri problemi hanno portato gli investigatori di PricewaterhouseCoopers a scrivere, “Si raccomanda  l’AIBA di cercare un consulente legale per le azioni, e non, che taluni hanno infranto”,  in diversi articoli del codice penale svizzero.

Il pugilato dilettantistico è stato a lungo considerato corrotto, con frequenti accuse di match truccati,  corruzione conclamata e frode. Dopo i Giochi di Rio nello scorso mese di agosto, tutti i 36 arbitri e giudici di pugilato sono stati sospesi per i risultati discutibili dei match disputati.
Il rapporto investigativo di 39 pagine, – amplificato da interviste con circa una dozzina di dipendenti AIBA attuali ed ex – è uno dei i più ampi rendiconti dei problemi finanziari di questo sport, altamente sospettato di corruzione.

La genesi della revisione risale al 2015, quando Ching-kuo Wu, il presidente di AIBA, ha licenziato il suo vice, Ho Kim, dopo una rivolta interna nei membri dello staff AIBA che lo opponevano.
Thomas Bach, il presidente del Comitato Olimpico Internazionale, sempre più sotto pressione per affrontare la corruzione e ripulire l’immagine dello sport internazionale, ha quindi ordinato il Signor Wu di verificare il prestito di $ 10 milioni. Il CIO – Comitato Olimpico Internazionale- ha notevole influenza sull’ AIBA, che detta legge nel pugilato nei dilettanti alle Olimpiadi, e il Signor Wu fa parte dell’ esecutivo del CIO.

Mark Adams, portavoce del CIO, ha detto che al Signor Wu è stato chiesto di “effettuare una verifica completa, trasparente e indipendente.” Il CIO ha detto, ” è chiaro che con le riforme dell’ Agenda delle prossime Olimpiadi 2020, ci aspettiamo il buon governo e la trasparenza da tutte le organizzazioni sportive “.

Secondo una copia del contratto di mutuo originario, ottenuto dal New York Times da un membro del comitato esecutivo dell’ AIBA,   deluso dalla mancanza di trasparenza del Signor Wu, e infatti risulta che il Signor Wu ha firmato personalmente per l’ ottenimento del prestito,   fatto ad una filiale AIBA. L’AIBA non è in grado di spiegare il motivo per cui ha preso in prestito denaro da una società che non ha legami con il pugilato. In una dichiarazione al New York Times, l’AIBA ha riferito  che stava esaminando i rapporti problematici della contabilità dell’impresa di boxe negli USA, la colpa è del Signor Kim (ex-vice di Wu)  che controllava quel progetto.

L’AIBA ha detto che l’indagine di PricewaterhouseCoopers, è terminata da più di un anno, è comunque una bozza e che una versione finale dovrebbe essere completata nel giro di pochi mesi.
Il prestito è stato fatto da Benkons MMC, un conglomerato di aziende, con interessi diversi, con sede a Baku, Azerbaijan, che non ha nessuna attività legata allo sport.

Il denaro doveva essere per il World Series of Boxing negli USA, per un nuovo campionato semiprofessionale. Signor Wu ha rifiutato di dire il motivo per cui AIBA ha preso in prestito il denaro da questa azienda, ma ha detto che il Signor Kim, il suo ex vice, aveva “ampio potere discrezionale nella negoziazione e nell’attuazione della transazione.”
I rappresentanti delle aziende Benkons e la federazione di boxe in Azerbaijan non hanno risposto alle richieste di commentare i fatti.

Alcuni ex funzionari AIBA, hanno osservato che il prestito ha coinciso con un incremento di medaglie vinte dai pugili azeri.
Dal momento che il prestito è stato erogato, l’Azerbaigian ha vinto nove medaglie, di cui quattro d’oro, in tre campionati del mondo dal 2010. Prima di allora aveva vinto solo quattro medaglie, e mai una d’ oro. I pugili azeri hanno vinto quattro medaglie in più nelle ultime due Olimpiadi, rispetto alle tre delle due Olimpiadi precedenti.
Gli ex addetti guardano di traverso il prestito e sospettano che mirava a comprare influenze sui risultati, più o meno di successo.

In una email, Rudel Obreja, un ex vice presidente AIBA della Romania che è stato licenziato dopo aver contestato che incontri di boxe ai Giochi di Pechino nel 2008 erano in  combine ha definito “molto strano il prestito'”  e che sulla base della sua esperienza, potrebbe essere spiegato solo come una tangente.
“Noi del pugilato sapevamo che l’Azerbaigian era molto interessato alle medaglie di pugilato”, ha scritto in una email al New York Times.

AIBA dice che è una speculazione, “fuori luogo”, chiamare sistema di medaglie-prezzolate, perché una verifica interna “non ha trovato prove di irregolarità di sorta.”
Secondo l’indagine di PricewaterhouseCoopers, il prestito ha contribuito a pagare i pugili, allenatori e dirigenti nelle sedi per le World Series of Boxing, ma l’ organizzazione ha perso milioni di dollari nei suoi primi 18 mesi.

Queste perdite non sono state rilevate nella contabilità, i revisori svizzeri hanno detto che potenzialmente è un reato criminale. L’AIBA non è riuscita a rimborsare i $ 10 milioni nel 2013,   e quindi deve pagare una penale d’ interesse di $ 500,000 che è quindi stata aggiunta al prestito, e  gli interessi continuano ad accumularsi.

L’AIBA anche omesso di dire a Benkons, come il suo denaro è stato speso e di quanto era aumentato il debito della società dei World Series of Boxing, come invece richiesto dalle condizioni del prestito.
Il Signor Kim ha supposto in una email al New York Times che era tutta una questione di contabilità negligente, non di frode.
“Sì, non abbiamo fatto una relazione al creditore”, ha detto. “Siamo stati superficiali e distratti.”

Signor Wu aveva messo degli alleati in posizioni chiave, che riportavano direttamente a lui, ma non vi è alcuna traccia delle informazioni sulle perdite finanziarie al comitato esecutivo.
Diversi anni fa, il signor Wu ha assunto un amico di lunga data ed ex generale di Taiwan, Lin Abe,   presso la sede delle World Series of Boxing negli Stati Uniti.

Gli ex collaboratori Negli Stati Uniti, hanno che detto il Signor Lin non aveva alcuna esperienza particolare come direttore finanziario, ma era lì per tenere d’occhio come il denaro si sarebbe speso. E’ stato pagato con uno stipendio di $ 90.000.
Mr. Kim ha confermato che il Signor Lin è stato assunto come uomo del Signor Wu negli USA.
Così ha scritto il Signor Kim: “Il presidente Wu ha voluto il suo amico per gestire tutti i fondi, per  assicurarsi che avrebbe saputo tutto ciò che riguarda le questioni finanziarie in corso” al World Series of Boxing.

Secondo gli ex dipendenti negli uffici degli Stati Uniti, i dirigenti della sede centrale dissero ai loro omologhi americani di fare acquisti onerosi, come affittare arene molto costose per un nuovo campionato di World Series of Boxing. Le perdite montarono rapidamente, alcuni pugili non sono stati retribuiti per settimane, e i dirigenti hanno dovuto coprire le spese di tasca propria.

“La velocità  con cui sono stati bruciati  i quattrini”, è stata stupida, ha detto Jeffrey Benz, che ha gestito per due anni il franchise di boxe a Los Angeles. “I dati finanziari sono completamente ridicoli”.

I membri del comitato esecutivo avranno la possibilità di fare domande al Signor Wu su queste spese e altre spese, quando si incontreranno in Svizzera prima della fine dell’anno.

🥊🥊

New York Time, October 31st, 2016. Unreleased Report Raises Questions About AIBA, Amateurs Boxing’s Governing Body. By 

http://www.nytimes.com/2016/11/01/sports/olympics/boxing-aiba-audit-azerbaijan-loan.html?rref=collection%2Fbyline%2Fken-belson&action=click&contentCollection=undefined&region=stream&module=stream_unit&version=latest&contentPlacement=1&pgtype=collection&_r=4