TYSON FURY E IL SUO MAESTRO SI LASCIANO…**TYSON FURY AND HIS TRAINER QUITE…

🥊🥊🇮🇹

TYSON FURY E IL SUO MAESTRO SI LASCIANO…A due mesi dal match FURY vs WILDER, in agenda il prossimo 22 febbraio 2020 a Las Vegas, come ha annunciato un paio di settimane fa la leggenda degli organizzatori americani, BOB ARUM e il co-organizzatore inglese, FRANK WARREN, in un rematch che il fans di tutto il mondo vogliono. E che solo 10 mesi fa, TYSON FURY ha siglato per 100 milioni di dollaroni…

Ma  il gigante britannico, TYSON “the gypsy king” FURY, non avrà più il giovane motivatore che lo ha spronato a tornare in forma, a riprendersi la vita in mano a tornare sul ring. Forse,  però adesso  FURY per il rematch vs WILDER  ha bisogno di un allenatore che lo tenga in riga…BEN DAVISON ha fatto un gran lavoro sulle emozioni, ma per abbattere WILDER ci vuole a questo punto, l’occhio critico e la disciplina di un allenatore che non gliene dia vinta nemmeno mezza…

TYSON FURY E IL SUO MAESTRO SI LASCIANO…

Era 180 Kg di grasso e deforme, al collasso psichico,  quando il 27enne,  BEN DAVISON ha iniziato a lavorare in palestra con FURY e in un anno ha fatto il miracolo di rimettere in piedi quell’ammasso psicofisico confuso. Alle spalle di TYSON FURY, c’era BEN DAVISON, il ragazzo che ha compiuto l’impossibile e riportato in vita, di nuovo sul ring, TYSON FURY, anzi meglio di come sia mai stato.

Quel ragazzo ci ha creduto, gli ha ridato fiducia e stima in se stesso. In tre match TYSON FURY è rinato.  Un match con il modesto macedone Sefer Seferi, uno con il nostro  sfortunato Francesco Pianeta,  e poi il match che ha fatto schizzare le quotazioni ancora una volta di TYSON FURY vs DEONTAY WILDER…. Nessuno ci credeva. Nemmeno io.

Il match tra WILDER e FURY dal molto controverso verdetto con un risultato di pareggio. Come ho già scritto nell’articolo dello scorso dicembre 2018,  ho visto il britannico vincente.

Ora il giovane, taglia-e-cuci-allenatore e il  campione si separano. Il Campione si preparerà con il nipote di cotanto maestro che è stato Emanuel Steward, in quel di Detroit, alla storica Kronk Gym. Anche questa palestra, è stata distrutta, poi rinnovata poi ancora ha subito mutamenti, furti…e ora è in mano al nipote di Emanuel Steward,  Sugar Hill, sarà lui ad occuparsi della preparazione di FURY.  FURY non è nuovo in questa palestra, ci aveva già fatto qualche passata con il fondatore appunto . EMANUELE STEWARD. Mi sembra un’ottima mossa.

Oltre alle automobili Detroit, dalla Kronk Gym, si sono formati notevoli campioni, vedi Tommy Hearns, Hector Camacho, Julio Caeser Chavez, Jermain Taylor. E tanti altri sono stati plasmati dal leggendario Emanuel Steward, l’ultimo WLADIMIR KLITSCHKO.

TYSON FURY E IL SUO MAESTRO SI LASCIANO…

Contro WILDER, TYSON FURY sa bene che deve mistificare, eludere, essere enigmatico e dovrà ostentare sicurezza. Dovrà tirare fuori le sue doti multi.tasking per evitare  l’unico colpo della boxe che WILDER conosce, il  destro del Knock Out. Sarà una questione di saper gestir con il pragmatismo che certo a  TYSON FURY non manca.

No, non mi sembra una tragedia questa amichevole separazione, penso anzi che responsabilizzi tanto di più TYSON FURY. DAVISON, ha compiuto l’impresa umana, ridare vita a un campione che voleva la morte, di questo tutta la boxe di ogni dove gli è riconoscente, non solo il suo campione.

Del resto TYSON FURY all’angolo vs WILDER ha avuto, a mio parere il miglior degli allenatori in circolazione: FREDDIE ROACH. In tutti i casi, la sera del 1° dicembre non sono andata a Las Vegas, non avrei mai investito in un viaggio così lungo, per un match che ai miei occhi si presentava come uno dei tanti bluff incontrati da DEONTAY WILDER.

Durante il match in TV mi sono morsa le labbra… cosa avrei dato per essere all’angolo di quella notte del 1° dicembre 2018 che ha cambiato completamente la storia di un campione finito…e leggere negli occhi gli scambi, gli sguardi tra DAVISON, ROACH  e il GYPSY KING…l’ultimo round da cardiopalma. Solo la Grande Boxe da emozioni così paradossali, imprevedibili e con la vita in palio…

Ho solo un dubbio che questo rematch non sarà facilissimo come il primo match, WILDER l’ha prese come una pratica da sbrigare rapida. Un cliente facile…

Ora  il rematch si fa interessante, non è più classificabile come il primo una sorta di incontro tra clowns, qua entrambi dal verdetto hanno molto perdere.

Ora il ring del prossimo 22 02 2020 sarà  davvero un quadrato dove sotto i riflettori, sarà di scena la Grande Boxe.

Ascoltami qua, il link AudioLibro – IL FIGHTER D’ITALIA GIANCARLO GARBELLI-  http://bit.ly/2Y4zyZr

BEN DAVISON  

TYSON FURY

DEONTAY WILDER vs TYSON FURY 1° match, lo scorso dicembre 2018 **DEONTAY WILDER vs TYSON FURY 1st fight, last December 2018 

🥊🥊TYSON FURY AND HIS TRAINER QUITE…

Two months after the fight FURY vs WILDER, on the agenda, next February 22nd, 2020, in Las Vegas, as the legend of the American organizers, BOB ARUM and the English co-organizer, FRANK WARREN, announced a couple of weeks ago, in a rematch that fans around the world want to see. By the way, TYSON FURY 10 months ago, signed a contract of more than 100 million $$$$$$$$$$$$$

But the British giant, TYSON “the gypsy king” FURY, will no longer have the young motivator who urged him to get back in shape, to take his life back and return to the ring. Perhaps, maybe, but now FURY for the rematch vs WILDER needs a trainer to keep him in line … BEN DAVISON has done a great job on emotions, but to take WILDER down, at this point it needs the critical eye and the discipline of a trainer who does not give him even half …

He was 180 kg almost 400 lbs… of fat and deformed, to the psychic collapse, when the 27-year-old, BEN DAVISON started working in the gym with FURY and in a year he made the miracle of putting that confused psychophysical mass back on his feet. Behind TYSON FURY, there was BEN DAVISON, the guy who did the impossible and brought back to life, again in the ring, TYSON FURY, even better than he ever was.

TYSON FURY AND HIS TRAINER QUITE…

That young man believed it, gave him confidence and self-esteem In three fights, TYSON FURY is reborn. A match with the modest Macedonian Sefer Seferi, one with our unfortunate Francesco Pianeta, and then the match that made the odds of TYSON FURY vs DEONTAY WILDER jump up again… Nobody believed it. Me neither.

The fight between WILDER and FURY from the very controversial verdict with a draw result. As I wrote last December 2018, I saw the British winning.

Now the young, cut-man.and-trainer and champion split. The Champion will prepare with the grandson of such a master who was Emanuel Steward, in that of Detroit, at the historic Kronk Gym.

This gym, too, has been destroyed, then renewed, then has undergone changes, thefts … and now it is in the hands of Emanuel Steward’s nephew, Sugar Hill, he will be in charge of preparing FURY. FURY, which is not new in this gym, he had already done some work with the founder. EMANUELE STEWARD. It seems like a the best move.

In addition to Detroit automobiles, from the Kronk Gym, notable champions have formed, see Tommy Hearns, Hector Camacho, Julio Caeser Chavez, Jermain Taylor. And many others have been shaped by the legendary Emanuel Steward, the last WLADIMIR KLITSCHKO.

TYSON FURY AND HIS TRAINER QUITE…

Against WILDER, TYSON FURY knows well that he must mystify, evade, be enigmatic and must show off confidence. He will have to pull out his multi-tasking skills to avoid the only blow of boxing that WILDER knows, the right of the Knock Out. It will be a matter of knowing how to manage with the pragmatism that certainly is not lacking to TYSON FURY.

No, this friendly separation does not seem a tragedy,  I even think that would make TYSON FURY so much more responsible. DAVISON, he accomplished the human endeavor, reviving a champion who wanted death, this is all the boxing from anywhere is grateful for, not just his champion.

Of the rest TYSON FURY on the corner vs WILDER had, in my opinion, the best trainer in circulation: FREDDIE ROACH. In all cases, on the evening of December 1st, I didn’t go to Las Vegas, I would never have invested in such a long trip, for a fight that in my eyes looked like one of the many bluffs encountered by DEONTAY WILDER.

During the match on TV, I bit my lips …what would I have given to be at the corner of that night that completely changed the story of a finished champion … and read the exchanges in the eyes, the glances between DAVISON, ROACH and the GYPSY KING …and the final heartbeat round

I have only one doubt that this rematch will not be as easy as the first match, WILDER took it as a quick practice, as an easy client…

Now the rematch becomes interesting, it is no longer classifiable as the first,  a sort of meeting between clowns, here both from the verdict has a lot to lose.

Now the ring of the next February 22nd,  2020 will really be a square where the Great Boxing will be on stage.

hear me… the AudioBook link IL FIGHTER D’ITALIA GIANCARLO GARBELLI-   
 http://bit.ly/2Y4zyZr