É il 2 giugno è la nostra Festa! AUGURI PER IL 76° COMPLEANNO DELLA NOSTRA REPUBBLICA ITALIANA 🥊🥊🇮🇹 It’s June 2nd is our Feast! BEST WISHES FOR 76th birthday OF OUR ITALIAN REPUBLIC

 

🥊🥊🇮🇹

É il 2 giugno è la nostra Festa! AUGURI PER IL 76° COMPLEANNO DELLA NOSTRA REPUBBLICA ITALIANA

Ho sempre amato la nostra bandiera. Il tricolore parla di noi.
Di eroi che ci hanno creduto e per lei combattuto.
È l’incarnazione di noi tutti italiani. Ci accomuna nell’orgoglio, ci fa sentire fieri.
Il 2 Giugno è la Festa della scelta degli Italiani, ad essere Repubblica di Libertà e Democrazia.
Nella Cultura Sportiva la bandiera è il simbolo di appartenenza alla nostra Nazione. Non c’è evento in cui non venga sventolata, onorata, cantata. La bandiera da forza, coraggio!
Ben ha fatto il nostro Presidente Sergio Mattarella,  ad escludere gli Ambasciatori di Russia e Bielorussia ai festeggiamenti di oggi 2 Giugno per i 76 anni della Repubblica Italiana.
In questi giorni scrollando post sui Social leggo frasi che mi lasciano perplessa: c’è chi si dispiace che gli atleti russi e bielorussi, siano escluse dalla competizioni!
C’è chi pensa che lo Sport sia un’isola a parte dove la Politica non deve entrare.
É una menzogna. Le vicende che si inseriscono nella nostra realtà, trasformandola, è  Politica. Dunque che lo vuoi o meno fa scegliere.

É il 2 giugno è la nostra Festa! AUGURI PER IL 76° COMPLEANNO DELLA NOSTRA REPUBBLICA ITALIANA

Sia gli atleti russi che bielorussi non hanno condannato, ed è di martedì scorso, la notizia, come i vertici di alcune Federazioni sportive, vedi la scherma, hanno eluso che la guerra in Ucraina c’è e non è “operazione speciale” come è noto invece la propaganda russa sostiene!
La Russia ha invaso una nazione democratica, l’Ucraina, venendo meno ai trattati e leggi internazionali. Una guerra scatenata dalla Russia, lo scorso 24 febbraio, in cui sono morti almeno 5.000 civili ma certo sono molti di più.
E dove sono stati obbligati a lasciare il loro Paese, ad oggi, 6 milioni e 800 mila ucraini… Chiunque non si dissoci dalla follia dell’invasore russo, è complice. Dunque fa una scelta politica.
E dunque vale anche per gli atleti. Perchè mai gli atleti ne dovrebbero restare fuori?
Chi dice queste baggianata è semplicemente un menefreghista. 
Non ha mai vestito il suo cuore, le sue spalle con la bandiera della Libertà della Democrazia.
Ciò che mi spaventa e che professino questa menzogna nelle palestre dove si spacciano per allenatori e dunque educatori.

É il 2 giugno è la nostra Festa! AUGURI PER IL 76° COMPLEANNO DELLA NOSTRA REPUBBLICA ITALIANA

Chi non ripudia l’invasore russo, è POLITICAMENTE con l’invasore russo. Chiaro? Mi sono spiegata? Non lo scrivo con piglio di presunzione, o arroganza, ma perché voi che siete coinvolti direttamente nell’educazione allo SPORT non potete ignorare il significato della POLITICA in ogni ambito e comunità. Nessuno escluso. Nessuno.
É una grande palla di chi non ha argomenti oppure ostenta menefreghismo.
Che equivale a supportare chi è contro i valori di Democrazia e Libertà.

Il nostro SPORT, la BOXE, è stato il patriarca della difesa dei valori. Bandiera di Democrazia e della Libertà.

Non vorrei mai che un domani una nazione confinate, ci invadesse e noi italiani, sostenitori della Libertà, della Democrazia, della Giustizia, non potessimo contare sulla solidarietà dell’Europa e del mondo Occidentale che condivide i nostri valori.
Qua ancora una testimonianza in prima persona dello scorso 6 aprile, nel caso vi fosse sfuggita: https://www.giannamariagarbelli.com/put…/gianna-garbelli
© Studio Federico Patellani courtesy Regione Lombardia / Museo di Fotografia Contemporanea . Questa bella ragazza italiana si chiamava Anna Iberti, simbolo della nacita della Repubblica Italiana. Aveva 24 anni al tempo della foto lavorava nel giornale socialista “Avanti” a Milano, ed era fidanzata con un giornalista. Divenne, moglie, madre e impegnata socialmente.  🇮🇹© Studio Federico Patellani courtesy of the Lombardy Region / Museum of Contemporary Photography. This beautiful Italian girl name was Anna Iberti, symbol of the birth of the Italian Republic. She was 24 years old at the time of the photo.  She worked in the socialist newspaper “Avanti” in Milano, and was engaged to a journalist. She became a wife, mother, and socially committed. 
Le Frecce Tricolori, stamattina sfrecciano Altare della Patria –  Roma 🇮🇹 The Tricolor Arrows, this morning whizzing by Altare della Patria – Rome

 + 

… qua in italiano il link del mio AudioLibro IL FIGHTER D’ITALIA GIANCARLO GARBELLI  – il pugilato è violento ma la violenza non è pugilato-  http://bit.ly/2Y4zyZr

🥊🥊

It’s June 2nd is our Feast! BEST WISHES FOR 76th birthday OF OUR ITALIAN REPUBLIC

I have always loved our flag. The tricolor speaks of us.
Of heroes who believed in it and fought for her.
Our Flag is the embodiment of all of us Italians. It unites us in pride, it makes us feel fierces.
June 2 is the Feast of the choice of the Italians, to be the Republic of Freedom and Democracy.

In Sports Culture the flag is the symbol of belonging to our Nation. There is no event in which it is not waved, honored, sung. The flag gives strength, courage!

Our President Sergio Mattarella, did well to exclude the Ambassadors of Russia and Belarus from the celebrations of today 2 June for the 76th anniversary of the Italian Republic.

It’s June 2nd is our Feast! BEST WISHES FOR 76th birthday OF OUR ITALIAN REPUBLIC

These days scrolling posts on Social I read phrases that leave me perplexed: there are those who are sorry that Russian and Belarusian athletes are excluded from competitions!

There are those who think that Sport is a separate island where politics must not enter.
It is a lie. The events that fit into our reality, transforming it, are Politics. So whether you want it or not makes you choose.

Both Russian and Belarusian athletes did not condemn, and it is last Tuesday, the news, as the leaders of some sports federations, see fencing, have eluded that the war in Ukraine exists and it’s not a “special operation” as it is. It’s well known instead what the Russian propaganda claims!

Russia invaded a democratic nation, Ukraine, breaking international treaties and laws. A war unleashed by Russia, last February 24, in which at least 5,000 civilians died but certainly many more.
And where 6 million and 800 thousand Ukrainians have been forced to flee their country to date …

Anyone who doesn’t dissociate her/himiself from the madness of the Russian invader is an accomplice. So you makes a political choice.
And therefore it also applies to athletes.

Why should athletes stay out of it? Whoever says this nonsense is simply an indifference.
Means you never dressed your heart, your shoulders with the flag of the Freedom of Democracy.
What scares me is that they profess this lie in the gyms where they pretend to be coaches, trainers and therefore educators.

It’s June 2nd is our Feast! BEST WISHES FOR 76th birthday OF OUR ITALIAN REPUBLIC

Whoever doesn’t repudiate the Russian invader, is POLITICALLY with the Russian invader. Clear? Did I make myself clear? I don’t write it with an air of presumption, or arrogance, but because you who are directly involved in SPORT education cannot ignore the meaning of POLITIC in every sphere and community.

Nobody excluded. Nobody.
It’s a big ballon for those who have no arguments or show indifference. Which is equivalent to supporting those who are against the values ​​of Democracy and Freedom.

Our SPORT, BOXING, is the patriarch of the defense of values. Flag of Democracy and Freedom.

I never wish that one day a confined nation would invade us and we Italians, supporters of Freedom, Democracy, Justice, couldn’t count on the solidarity of Europe and the Western world which shares our values.
Here again a first-person testimony from last April 6, in case you missed it in other languages Italian and English https://www.giannamariagarbelli.com/put…/gianna-garbelli

 + 

  … here in my mother tongue Italian my AudioBook IL FIGHTER D’ITALIA GIANCARLO GARBELLI  – boxing is violent but violence isn’t boxing –  http://bit.ly/2Y4zyZr