Consiglio Mondiale di Pugilato WBC ricorda i 100 anni di NELSON MANDELA **The WBC remembers NELSON MANDELA 100 years after his birth

🥊🥊🇮🇹 WBC Consiglio Mondiale di Pugilato ricorda i 100 anni di NELSON MANDELA

Molto volentieri inoltro questo comunicato stampa ricevuto da WBC Consiglio Mondiale di Pugilato:

Il World Boxing Council – Consiglio Mondiale di Pugilato e il suo Presidente Mauricio Sulaiman, oggi commemorano il centenario della nascita di Nelson Mandela, un leader storico, coraggioso e visionario, appassionato di boxe ed esemplare essere umano.

Mandela ha dedicato la sua vita alla lotta contro l’apartheid, un sistema politico sviluppato in Sud Africa basato sulla segregazione razziale. E per questo è stato in carcere per 27 anni.

Due anni dopo essere stato rilasciato, è stato eletto con un voto schiacciante come presidente del Sud Africa, esercitando il suo mandato con uguaglianza, saggezza e umanità.

Il Presidente a vita del Consiglio Mondiale di Pugilato -WBC – World Boxing Council. e il caro amico di Mandela, Don Jose Sulaiman, lo hanno nominato “Re dell’uguaglianza umana”; unirsi all’instancabile  lotta per raggiungere l’uguaglianza umana.

Dopo aver sperimentato il terribile razzismo in un viaggio che ha fatto come supervisore del World Boxing Council in Sud Africa nel 1971, e testimoniando il terribile modo in cui persone e pugili sono stati maltrattati a causa del dilagante razzismo, Don Jose ha deciso di combattere contro l’odioso apartheid.

Il suo primo atto come presidente del WBC, fu quello di espellere il Sudafrica, proibendo a qualsiasi pugile di combattere in questo paese, lo stesso per gli organizzatori e manager di quella nazione.

Successivamente, questa battaglia fu presa anche da altre organizzazioni sportive come una bandiera per cercare l’uguaglianza e porre fine alle pratiche discriminatorie.

Il culmine di questa lotta fu nel 1985, quando il Comitato per la sicurezza delle Nazioni Unite consegnò un eccezionale riconoscimento al WBC per questo lavoro, che insieme al resto dell’umanità pose fine al male dell’apartheid.

Anche se il rugby è sempre stato lo sport preferito del Sudafrica, Mandela era un fan della boxe. L’ha anche praticato in gioventù.

Ha usato la boxe per paragonare l’uguaglianza, perché nel ring il colore, il credo e lo stato sociale sono irrilevanti.

Oggi ci uniamo alla celebrazione per il centenario della nascita di Nelson Mandela e lo ricordiamo con alcune delle sue frasi più emblematiche.

“Nessuno nasce odiando un’altra persona a causa del colore della pelle, dell’origine o della religione, le persone devono imparare a odiare e se possono imparare a odiare, possono anche insegnare ad amare”

“Lo sport ha il potere di trasformare il mondo, ha il potere di ispirare, unire le persone come poco altro”

“L’educazione è l’arma più potente per cambiare il mondo”

“La gloria più grande,  non è quella di non cadere mai, ma di alzarsi sempre”

“Se vuoi fare pace con il tuo nemico, devi lavorare con il tuo nemico, poi  lo vedrai diventare tuo partner.”

NELSON MANDELA “Re dell’uguaglianza umana”. ** NELSON MANDELA “King of Human Equality”.

🥊🥊 WBC World Boxing Council remembers NELSON MANDELA 100 years after his birth

It’s my pleasure to share this press release I received from WBC – World Boxing Council:

The World Boxing Council and its President Mauricio Sulaiman, today commemorate the hundredth anniversary of the birth of Nelson Mandela, a historic, courageous and visionary leader, passionate boxing fan and exemplary human being.

Mandela dedicated his life to fight against apartheid, a political system developed in South Africa based on racial segregation. And for that he was imprisoned for 27 years.

Two years after being released, he was elected by an overwhelming vote as President of South Africa, exercising his mandate with equality, wisdom and humanity.

The WBC Lifetime President and dear friend of Mandela, Don Jose Sulaiman, named him “King of Human Equality”; joining the tireless struggle to achieve human equality.

After experiencing the terrible racism on a trip that he made as a supervisor of the World Boxing Council to South Africa in 1971, and witnessing the appalling way people and boxers were mistreated due to rampant racism, Don Jose decided to fight against odious apartheid.

His very first act as President of the WBC, was to expel South Africa, prohibiting any boxer to fight in this country, as well as promoters and managers of that nation.

Subsequently, this battle was taken up by other sports organizations as a flag to seek equality and to end discriminatory practices.

The culmination of this struggle was in 1985, when the United Nations Security Committee delivered an outstanding recognition to the WBC for this work, which together with the rest of humanity, ended the evil of apartheid.

Although Rugby has always been South Africa’s favorite sport, Mandela was a boxing Fan. He even practiced it in his youth.

He used to compare equality with boxing, because up in  the ring, color, creed and social status are irrelevant.

Today we join the celebration for the 100th anniversary of the birth of Nelson Mandela and we remember him with some of his most emblematic phrases.

“No one is born hating another person because of the color of their skin, origin or religion. People have to learn to hate, and if they can learn to hate, they can also be taught to love”

“Sport has the power to transform the world. It has the power to inspire, to unite people like few things”
“Education is the most powerful weapon to change the world”

“The greatest glory is not never to fall, but always to get up”

“If you want to make peace with your enemy, you have to work with your enemy. Then he becomes your partner.”